martedì 6 dicembre 2016
Luca Spinelli » Hosting, SEO & web » Google Plus si separa da GMail

Google Plus si separa da GMail

E’ la volta di un nuovo servizio, a questo giro Google Plus si separa da GMail. Da qualche giorno non sarà più necessario o per meglio dire obbligatorio, creare un profilo Google Plus nel momento d’apertura di una casella di posta GMail. La notizia è stata riportata da Larry Kim in questo suo articolo.

Una precisazione per i più puntigliosi. Forse sarebbe stato più corretto dire che è stato GMail a separarsi da Google Plus ma non voletemene, ho voluto essere originale commettendo un errore di forma di cui mi sono accorto dopo aver scritto l’articolo.

Il potente strumento per scalare le SERP di Google con Google Plus ha perso un altro importante pezzo ed il trend dei tagli di Google non sembra fermarsi. In precedenza Google Plus aveva perso un’altra importante caratteristica come l’autorship. La vicenda era stata ampiamente trattata in questo articolo interamente dedicato all’analisi di quanto accaduto. In quel caso era emersa una correlazione tra la diminuzione del CTR di AdWords e la presenza della rappresentazione grafica dell’autorship. Google avrebbe quindi rimosso il servizio per mere ragioni economiche visto che AdWords rappresenta l’entrata numero uno per le casse dell’azienza di Mountain View.

LEGGI ANCHE  Come usare Open Graph di Facebook con WordPress

In questo caso la scissione sembra essere dovuta al progressivo abbandono da parte di Google della stretta di ferro con cui in passato aveva obbligato gli utenti a sfruttare, o per lo meno a registrarsi, al suo social. Visto l’iniziale flop ed il progressivo sempre più palesato insuccesso, Google starebbe attuando una politica contraria a quella adottata inizialmente. Pian piano Google Plus diventerà un semplice strumento di supporto per la creazione di una propria identità digitale e per la cura del proprio brand, abbandonando la pretesa di voler essere un social network a tutti gli effetti.

Al contrario di quanto vociferato da molti, Google Plus non è in procinto di chiusura, si sta solamente ridimensionando, per occupare il posto che la rete ha deciso di assegnargli in base all’utilità mostrata. Google Plus non è morto e non lo sarà finchè Google non lo farà letteralmente sparire dall’elenco dei suoi servizi.

LEGGI ANCHE  Come creare tag su WordPress

RIGUARDO A Luca Spinelli

Mi chiamo Luca Spinelli, sono nato a Carate Brianza nel 1994, vivo a Lissone e sono un SEO e webmaster con oltre 5 anni d’esperienza nell’AM. Dal 2009 ad oggi sono stato GA di BlackOGames e NoirBlack, BA di TheXNovaGames e trader di Bitcoin.

LEGGI SUBITO ANCHE QUESTO

Come creare menù su WordPress

Non potendo sapere quale tema hai scelto per il tuo blog (scopri come creare un blog) …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *