domenica 11 dicembre 2016
Luca Spinelli » Hosting, SEO & web » Come guadagnare con un blog

Come guadagnare con un blog

Domandarsi come guadagnare con un blog (scopri come creare un blog) è più che lecito. Le persone che riescono a fare soldi online con i propri contenuti sono migliaia e non si tratta solamente di pochi eletti, tanto che con qualche indicazione anche tu potresti cominciare oggi stesso a guadagnare con un blog. Tuttavia a tal proposito è bene chiarire che le persone che sono riuscite a guadagnare con un blog in maniera sufficiente da far diventare questo tipo di attività il loro lavoro principale sono molto poche e su questo non voglio illuderti. Nulla però vieta di riuscire a guadagnare con un blog cifre più che sufficienti a coprire i costi dell’hosting e perché no toglierti qualche sfizio.

Come guadagnare con un blog

In questo articolo ho deciso di raccogliere quelli che ritengo essere i migliori metodi per guadagnare con un blog ma due premesse sono necessarie. In primo luogo non tutti i metodi sono applicabili per ogni tipo di blog dato che alcune nicchie rendono più di altre ed altre ancora si prestano a maggiori metodi per guadagnare con un blog rispetto a quanto non si prestino nicchie diverse, mentre in secondo luogo mi soffermerò unicamente sui metodi per guadagnare con un blog che uso personalmente. Lungi da me voler dare consigli riguardo metodi che non uso e di cui, proprio perché non uso, potrei ignorare alcune sfaccettature.

Come guadagnare con Google AdSense

Google AdSense è uno degli strumenti migliori con cui guadagnare con un blog attraverso l’esposizione di banner pubblicitari. L’iscrizione è gratuita e viene confermata o declinata entro quarantottore, a tal proposito non temere perché i requisiti per accedere a Google AdSense sono più che abbordabili tanto che volendo potremmo dire che basta avere un blog curato e gestito con buon senso per poter essere ammessi al programma di Google. Infine il pagamento avviene ogni mese tramite bonifico bancario al raggiungimento di 70€.

Perché ho deciso di consigliarti proprio Google AdSense? Rispetto ad altri servizi del genere Google AdSense gestisce l’esposizione degli annunci pubblicitari in una maniera davvero intelligente. Puoi rendertene subito conto navigando nel mio blog e notando gli annunci che vedi nell’header e nella sidebar dx, trattano argomenti inerenti alla pagina che stai visualizzando te ne sei accorto? Google AdSense infatti mostra al visitatore l’annuncio più pertinente all’argomento trattato nella pagina che sta visualizzando, in questo modo si aumenta l’efficacia dei banner con vantaggi per Google, il webmaster ed il visitatore che vedrà banner a tema che potrebbero addirittura costituire valore aggiunto per la pagina costruita dal webmaster. Oltre a questo Google AdSense è uno dei migliori strumenti per guadagnare con un blog perché offre la remunerazione CPC più alta in assoluto.

LEGGI ANCHE  Come creare categorie su WordPress

Come guadagnare con le affiliazioni

I programmi d’affiliazione sono un altro buon metodo con cui guadagnare con un blog ed il primo che mi viene in mente di cui parlati è quello di Amazon. Magari ti piacere recensire gli ultimi prodotti Apple od i libri che hai avuto modo di leggere? Il programma d’affiliazione di Amazon ti permette di monetizzare queste recensioni attraverso l’uso di ref-link che portano all’acquisto della risorsa in oggetto. Qualche esempio di come funziona il programma d’affiliazione di Amazon nel concreto? Immagina di aver letto “Scrivere per il web 2.0: Come fare content marketing che funziona” di Alessandro Scuratti, libro che fra l’altro ti consiglio di leggere se hai tre euro da spendere, e di averlo recensito sul tuo blog. Scrivi la tua recensione da trecento o cinquecento parole, magari anche mille se riesci a creare un testo ricco di collegamenti ed approfondimenti, ed ogni volta che ti capita di scrivere il nome del libro linki lo stesso tramite il ref-link del programma d’affiliazione di Amazon. In questo modo tutte le persone che lo compreranno passando dal tuo link ti faranno guadagnare una percentuale che ti verrà riconosciuta da Amazon stesso.

Tuttavia il mondo delle affiliazioni non finisce qui, oltre ad Amazon, che a parer mio è il network più potente che tu possa sfruttare per guadagnare con un blog, numerosi servizi permettono di vendere i propri prodotti garantendoti una percentuale sulle vendite. Un esempio? SiteGround. Il miglior hosting WordPress riconosce un una commissione che va da quaranta a novanta euro per vendita, è meraviglioso no? Ecco quindi che oltre ad Amazon puoi sfruttare le affiliazioni di servizi specifici che hai provato, con cui ti sei trovato molto bene e che hai avuto piacere di recensire e raccontare ad altre persone. Questo è un altro buon modo di unire la passione per il blogging alle tue aspirazioni di guadagno senza snaturare il tuo modo di gestire il blog.

Occhio ad una cosa però, abusare delle affiliazioni è un attimo, non fare come quei blogger che pur di aumentare il loro fatturato si sono venduti l’anima andando a recensire prodotti e servizi di scarsa qualità. Tu sei un blogger ma prima di tutto una persona con una faccia ed una reputazione, difendile entrambe e sfrutta le affiliazioni per guadagnare con un blog nella maniera più saggia. Trasmetti valore, sii d’aiuto ai tuoi lettori e non scambiare mai queste due cose per avere qualche soldo in più. Ricordati che alla fine tutti i nodi vengono al pettine e che verrai premiato solamente se avrai mantenuto una buona condotta.

LEGGI ANCHE  Come creare pagine su WordPress

Altri metodi per guadagnare con un blog

Altri metodi per guadagnare con un blog sono la vendita di eBook, spazi pubblicitari e guest post. Chiaramente il discorso non si esaurisce a queste altre tre possibilità ma questi sono metodi che potresti usare per guadagnare con un blog indifferentemente dall’argomento trattato e della sua struttura.

Come guadagnare vendendo eBook

Se sei un blogger od aspiri a diventarlo prima o poi ti verrà voglia di scrivere un eBook, magari per fare quel salto di qualità o magari semplicemente per sondare un nuovo terreno con cui guadagnare un con blog. Scrivere un eBook è davvero semplice e non devi essere per forza essere il Marco Travaglio della situazione, basta che tu abbia qualcosa da dire, che sappia metterlo su carta con un buon italiano e magari sotto forma di contenuto organizzato. A tal proposito non posso fare altro che consigliarti di approfondire l’argomento in questo articolo di SOS WordPress.

Come guadagnare vendendo spazi pubblicitari

All’inizio ti ho parlato di Google AdSense ma i metodi per guadagnare con un blog attraverso l’esposizione di banner pubblicitari comprendono anche la vendita diretta degli stessi. Anziché usare Google AdSense e guadagnare per ogni click ed ogni mille impressioni puoi decidere di vendere uno o più spazi pubblicitari ad aziende che si lavorano nello stesso settore per cui scrivi, magari concordando una cifra fissa al mese oppure sfruttando le medesime metriche prese in considerazione da AdSense. A tal proposito uno dei migliori articoli per approfondire l’argomento è quello scritto da Davide Pozzi. Risale al 2008 e potrebbe sembrarti un po’ datato ma personalmente lo ritengo più attuale che mai.

Come guadagnare vendendo guest post

Prima di tutto diamo qualche definizione. Che cos’è un guest post? Un guest post, proprio come dice la parola stessa, è il post di un ospite. Nel concreto, visto dalla tua prospettiva, significa ospitare sul tuo blog l’articolo di una persona che non sei tu e che non è solita scrivere per il tuo blog. I motivi che potrebbero spingerti ad accettare di ospitare un guest post sono molteplici ma potrebbe valere la pena ricordarne almeno tre. Il primo è che ospitando un guest post puoi permettere ad un blogger di talento, se è tale, di emergere sfruttando la visibilità di cui godi, se ne godi. Il secondo invece è il vantaggio in termini SEO che la cosa comporta, infatti molto spesso il blogger che hai ospitato sul tuo blog citerà il guest post che ha scritto e pubblicato sul tuo blog sul suo, fornendoti così un backlink magari dofollow. Il terzo infine è un vantaggio costituito dal fatto di poterti riposare, dato che hai ospitato il post di un alto blogger per quel giorno potrai evitare di scriverne uno tu per rimanere fedele al tuo calendario editoriale.

LEGGI ANCHE  3 forum +1 da seguire nel 2015

Appurato di cosa si tratta ed i motivi non economici che potrebbero spingerti ad accettare la pubblicazione di un guest post sul tuo blog, è il momento di tornare a ragionare in ottica di monetizzazione. Quanto far pagare un guest post? Francesco Gavello in questo suo articolo dice di partire da cinquanta euro per il primo guest post per poi salire di cinquanta in cinquanta ad ogni successivo fino a che una persona non ti dirà che il prezzo chiesto è troppo alto. Ecco dunque che a quel punto avrai trovato il prezzo ideale a cui vendere guest post.

Conclusione

Questi erano i miei due più tre metodi per guadagnare con un blog. Tu ne aggiungeresti altri alla lista? Se si quali? Magari hai scritto un articolo che spiega come guadagnare con un blog attraverso un metodo di cui non ho parlato, perché non me lo linki nei commenti od ancora meglio perché non ne parli con un guest post sul mio blog? Mi farebbe davvero piacere poter ospitare il tuo intervento ed usarlo per arricchire questo articolo.

RIGUARDO A Luca Spinelli

Mi chiamo Luca Spinelli, sono nato a Carate Brianza nel 1994, vivo a Lissone e sono un SEO e webmaster con oltre 5 anni d’esperienza nell’AM. Dal 2009 ad oggi sono stato GA di BlackOGames e NoirBlack, BA di TheXNovaGames e trader di Bitcoin.

APPROFONDIMENTI

Novità in casa VHosting: Nuovi piani per WordPress

Del miglior hosting italiano ti avevo già parlato, ricordi? Oggi ho una news per te …

Perché non ho un Gravatar

Comunicazione di servizio. Da qualche giorno la mia immagine Gravatar associata alla mail del blog …

Come creare pagine su WordPress

Creare pagine su WordPress è molto simile a creare articoli su WordPress, il procedimento è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *