domenica 11 dicembre 2016
Luca Spinelli » Hosting, SEO & web » 5 validi motivi per non usare AlterVista

5 validi motivi per non usare AlterVista

AlterVista è una piattaforma web, creata nel 2000 da Gianluca Danesin, grazie a cui è possibile creare il proprio blog (scopri come creare un blog), forum o sito in modo gratuito tramite un dominio di terzo livello. Si potrebbe dire che si tratta di un hosting provider gratuito con la limitazione di un rigido regolamento e l’impossibilità di sfruttare un dominio proprio. Un paradiso per i giovani newbie del web ma un vero e proprio incubo per molti professionisti. Per evitare che anche tu cada nell’errore ecco perchè ho provato a sintetizzare il mio pensiero, maturato in oltre quattro anni come utente attivo della community, in 5 validi motivi per non usare AlterVista.

Visto che molto probabilmente te lo sarai già chiesto, prima di cominciare voglio spiegarti perchè in questo articolo non troverai nessuna immagine di AlterVista. Il motivo è semplice, non sto elogiando il servizio, nè tantomeno invitando il prossimo ad usarlo quindi per mettere le mani avanti, salto a piè pari il problema del “hai usato le mie immagini senza autorizzazione, rimuovi l’articolo che ti denuncio”. Anche se sapendo come vanno le cose nel mondo non sarà certo questo a mettermi al riparo da fantasiose trovate, visto che in una gara a chi ha l’avvocato più grosso credo proprio di essere svantaggiato, se non battuto in partenza. Poco male, io confido sempre nel buon senso delle persone, nella speranza che sappiano accettare delle critiche costruttive per migliorarsi.

Originariamente a questo punto l’articolo sarebbe proseguito sotto l’immagine. AlterVista però ha cambiato alcune cose al suo interno e quindi sono stato costretto, devo dire con estremo piacere, a rettificare quanto scritto. Pare che le critiche costruttive per migliorarsi, siano effettivamente servite a qualcosa. Forse non le mie e non questo articolo in sè ma fa molto piacere vedere che il provider abbia riempito alcune delle sue gravi lacune.

Con queste premesse possiamo entrare nel vivo dell’articolo per scoprire quali siano questi 5 validi motivi per NON usare AlterVista. Tieni sempre ben presente che, come già detto nel momento d’apertura dell’articolo, sto parlando come utente attivo della community con oltre quattro anni d’esperienza e che qualcosa credo di saperla e di poterla dire anche io. Se tu che stai leggendo quest’articolo sei appena arrivato su AlterVista oppure sei li da 10 anni ma senza aver mai frequentato la community, risparmia commenti flammosi perchè molto probabilmente non hai mai visto neanche una delle cose di cui sto per parlarti.

LEGGI ANCHE  10 software +1 di cui non posso fare a meno

1. Hosting shared troppo sfruttato

La soluzione offerta dai piani shared di AlterVista è perfetta per la loro tipologia di business, peccato che a risentirne siano le prestazioni dei siti hostati. Su un singolo server capita spesso che ci sia un numero troppo elevato di siti che sfruttano le stesse risorse condivise. Quello che ne consegue è logico e scontato e ripararsi dietro al fatto che si tratta di un servizio offerto gratuitamente è un magro modo per liquidare le persone. Inutile anche rimediare con il famoso “lo fanno anche tanti altri” perchè non ne verremmo più a capo.

2. L’assistenza è completamente assente

Non esiste assistenza telefonica, tramite mail o ticket system. L’unico aiuto che puoi sperare di ottenere su AlterVista è quello offerto dal forum e dalla community di utenti che potrebbero essere in grado di aiutarti. Gli interventi dello staff AlterVista sono limitati a materie di carattere tecnico che interessano in modo esclusivo e diretto AlterVista stessa. Come nel caso del primo punto appellarsi al fatto che si tratta di un servizio offerto gratuitamente è di nuovo un magro modo per liquidare le persone.

3. La sospensione arriva diretta senza preavviso

Alla minima infrazione del regolamento il tuo sito verrà sospeso senza uno straccio di avvertimento. A quel punto avrai i miei migliori auguri per tentare di essere riammesso anche se la soluzione proposta dall’abuse stesso, l’organo di AlterVista competente in materia di sospensioni, è quella di fare un backup ed aprire un nuovo spazio con altro nome. Chiedendo la rettifica del provvedimento se e quando otterai risposta ti renderai conto che molto probabilmente l’ha scritta qualcuno che neppure ha letto la tua richiesta. L’ho visto succedere per anni finchè un giorno è successo anche a me. Ho dovuto sollecitare risposta sul forum per ottenere la prima dopo oltre due settimane mentre tutte le successive hanno impiegato oltre trenta giorni l’una per arrivare. Non mi dilungo poi sul contenuto di queste risposte che a dir tanto raggiungevano la lunghezza di una riga senza contenere alcuna informazione utile per la risoluzione del mio problema.

LEGGI ANCHE  Come usare Open Graph di Facebook con WordPress

4. Puoi usare solo banners pubblicitari AlterVista

Puoi dire addio alla vendita di spazi diretti, di ebook, alla possibilità di ospitare guest post ed a quella di usare altre tipologie di affiliazioni. Un colpo non da poco per il tuo business online visto che i principali guadagni di un sito web derivano proprio dalla diversificazione fra queste preziose attività. Tuttavia nulla ti vieta di usare banners AlterVista e Google AdSense, che non è proprio l’AdSense con le caratteristiche che conosci tu, ma presta attenzione perchè introdurre altri metodi di guadagno seppur indiretto porteranno alla sospensione del servizio come citato nel precedente punto.

5. Fare SEO e branding è uno spreco di soldi e tempo

Come già detto AlterVista non permette lo sfruttamento di domini di secondo livello, almeno non come li puoi intendere tu. AlterVista offre la registrazione di domini di secondo livello, ad un prezzo due volte superiore a quello del registar più caro che ci sia sul web, con la funzione di semplice redirect al dominio di terzo livello. Hai capito bene, spendi due volte per ottenere non un dominio di secondo livello bensì un semplice redirect a quello di terzo. Inoltre fare SEO senza un dominio proprio è un’enorme perdita di tempo e denaro nel momento in cui tutti i risultati conseguiti e tutti i backlink ottenuti nel corso del tempo tramite duro lavoro verranno spazzati via quando deciderai finalmente di passare ad un hosting professionale con un tuo dominio. Oltre a questo tieni a mente che un sito del tipo www.miattivita.it ha un effetto decisamente diverso da quello che può avere un sito del tipo www.miattivita.altervista.org. La ragione è puramente di branding, professionalità ed usability. Quanto pensi di risultare professionale presentandoti con un dominio del genere preso presso un hosting gratuito? Vuoi davvero far credere ai tuoi visitatori che ti mancano quei dieci o venti euro per prendere uno spazio web interamente tuo? In maniera analoga un URL così lungo a causa della presenza dell’estensione .altervista.org sarà più difficile da ricordare e non gioverà per nulla alla creazione di un brand facilmente accessibile.

LEGGI ANCHE  Come guadagnare con un blog

I motivi per NON usare AlterVista non sono solamente questi ma di sicuro i principali si possono così sintetizzare.

Prima di lasciarti però ti voglio segnalare un provider che offre un servizio di hosting professionale low cost per meno di venti euro l’anno che potresti utilizzare al posto di AlterVista. Si chiama VHosting Solution, è il miglior hosting italiano, offre risorse garantite non vendendo in overselling, ha un’assistenza italiana tramite telefono, email e ticket system ma sopratutto ti permette di creare un sito web interamente tuo. Se invece sei interessato a soluzioni più prestanti ti segnalo SiteGround, il miglior hosting WordPress in assoluto.

Mi raccomando di riflettere molto sulla scelta del provider, perchè il successo del tuo sito web dipende in buona parte da questo più di quanto tu possa pensare. AlterVista va bene per siti “just for fun” che non mirano ad alcun risultato di monetizzazione o branding.

RIGUARDO A Luca Spinelli

Mi chiamo Luca Spinelli, sono nato a Carate Brianza nel 1994, vivo a Lissone e sono un SEO e webmaster con oltre 5 anni d’esperienza nell’AM. Dal 2009 ad oggi sono stato GA di BlackOGames e NoirBlack, BA di TheXNovaGames e trader di Bitcoin.

APPROFONDIMENTI

Novità in casa VHosting: Nuovi piani per WordPress

Del miglior hosting italiano ti avevo già parlato, ricordi? Oggi ho una news per te …

Perché non ho un Gravatar

Comunicazione di servizio. Da qualche giorno la mia immagine Gravatar associata alla mail del blog …

Come creare pagine su WordPress

Creare pagine su WordPress è molto simile a creare articoli su WordPress, il procedimento è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *